0
Phenoleptil 100 compresse 25 mg

Phenoleptil

100 compresse 25 mg

LE VET BEHEER B.V.

Prezzo stimato*

€9.35

1

*A seguito dell’ordine, la farmacia confermerà la disponibilità del prodotto e il suo prezzo reale.

Con Pharmercure puoi ordinare dalla tua farmacia di zona e ricevere i prodotti in giornata!

Consegna in fascia oraria   €2.49, con ritiro ricetta   €4.99

caratteristiche di Phenoleptil 100 compresse 25 mg

Indicazioni terapeutiche

A cosa serve Phenoleptil 100 compresse 25 mg

Prevenzione delle crisi epilettiche dovute a epilessia generalizzata nel cane.

Hai dubbi sull'utilizzo?

CONTATTA IL FARMACISTA

Composizione di Phenoleptil 100 compresse 25 mg

Se sei allergico o intollerante ad alcuni dei principi attivi e/o eccipienti, contatta il tuo medico prima di procedere con l'ordine.

activeSubstances

Principi attivi

Ogni compressa contiene fenobarbitale 25 mg.

excipients

Eccipienti

Aroma di carne 201627, lattosio monoidrato, cellulosa microcristallina, sodio amido glicolato (tipo A), silice colloidale anidra, magnesio stearato.

Foglietto illustrativo

Effetti indesiderati

Come tutti i medicinali, Phenoleptil 100 compresse 25 mg può causare effetti collaterali, sebbene non tutte le persone li manifestino.

Durante l'inizio della terapia possono manifestarsi atassia, sonnolenza, fiacchezza e vertigini, ma questi effetti sono generalmente transitori e scompaiono nella maggior parte, ma non in tutti i pazienti con la prosecuzione del trattamento. In alcuni animali puo' manifestarsi un'ipereccitabilita' paradossa, in particolare all'inizio della terapia. Poiche' questa ipereccitabilita' non e' correlata a un sovradosaggio, una riduzione della dose non e' necessaria. Poliuria, polidipsia e polifagia possono verificarsi a concentrazioni sieriche terapeuticamente attive medie o alte; tali effetti possono essere ridotti limitando l'assunzione di cibo e acqua. La sedazione e l'atassia diventano spesso motivo di preoccupazione significativa se i livelli sierici raggiungono il limite superiore dell'ambito terapeutico. Concentrazioni plasmatiche elevate possono essere associate a tossicita' epatica. Il fenobarbitale puo' avere effetti deleteri sulle cellule staminali del midollo osseo. Ne conseguono pancitopenia immunotossica e/o neutropenia. Tali reazioni scompaiono dopo la sospensione del trattamento. Il trattamento del cane con fenobarbitale puo' ridurre i livelli sierici di TT4 o FT4, ma non necessariamente cio' e' segno di ipotiroidismo. Un trattamento sostitutivo con ormone tiroideo deve essere avviato solo in presenza di segni clinici di malattia. Se le reazioni avverse sono gravi si raccomanda una riduzione della dose somministrata.

Posologia

Quantità e modalità di assunzione di Phenoleptil 100 compresse 25 mg.

Per somministrazione orale. La posologia iniziale raccomandata e' di 2,5 mg di fenobarbital per kg di peso corporeo due volte al giorno. Le linee di incisione incrociate su un lato della compressa consentono la divisione in due (ciascuna parte contenente 12,5 mg fenobarbital) o quattro (ciascuna parte contenente 6,25 mg fenobarbital) parti uguali. Per una terapia efficace, le compresse devono essere somministrate ogni giorno alla stessa ora. Eventuali aggiustamenti posologici devono essere effettuati in base all'efficacia clinica, ai livelli ematici e alla presenza di effetti indesiderati. Le concentrazioni sieriche di fenobarbitale devono essere determinate dopo il raggiungimento dello stato stazionario. L'ambito terapeutico ideale per le concentrazioni sieriche di fenobarbital e' compreso tra 15 e 40 mcg/ml. Se le concentrazioni sieriche di fenobarbital sono inferiori a 15 mcg/ml o se le crisi epilettiche non vengono controllate, la dose puo' essere aumentata in misura del 20% per volta, con monitoraggio dei livelli sierici di fenobarbital, fino a concentrazioni sieriche massime di 45 mcg/ml. La dose finale puo' variare considerevolmente (tra 1 mg e 15 mg per kg di peso corporeo due volte al giorno) a causa delle differenze di escrezione del fenobarbital e delle differenze di sensibilita' tra i pazienti. Se le crisi epilettiche non sono controllate in misura soddisfacente e le concentrazioni massime sono approssimativamente di 40 mcg/ml, la diagnosi deve essere riconsiderata e/o un secondo antiepilettico (ad es. un bromuro) deve essere aggiunto al protocollo di trattamento. Nei pazienti epilettici stabilizzati si sconsiglia il passaggio da altre formulazioni di fenobarbital a Phenoleptil compresse 12,5 mg o 50 mg. Tuttavia, se cio' non puo' essere evitato, occorre usare ulteriore cautela. Si raccomanda di ricorrere a una posologia che sia il piu' simile possibile alla posologia della formulazione utilizzata in precedenza, tenendo in considerazione le concentrazioni plasmatiche attuali. Devono essere seguiti protocolli di stabilizzazione come all'inizio del trattamento.

Avvertenze e precauzioni nell'utilizzo di Phenoleptil 100 compresse 25 mg

La decisione di iniziare una terapia antiepilettica con fenobarbitale deve essere considerata caso per caso in base al numero, alla frequenza, alla durata e all'entita' delle crisi epilettiche nei cani. Le raccomandazioni generiche per l'inizio della terapia comprendono singole crisi epilettiche che si manifestano piu' di una volta ogni 4-6 settimane, crisi a grappolo (cioe' piu' di una crisi epilettica entro 24 h) o la presenza di stato epilettico, indipendentemente dalla frequenza. Per una terapia efficace, le compresse devono essere somministrate ogni giorno alla stessa ora. L'interruzione o il passaggio da altri tipi di terapia antiepilettica devono avvenire gradualmente, per evitare un aumento della frequenza di crisi epilettiche. Alcuni cani non manifestano piu' alcuna crisi epilettica durante il trattamento, mentre in altri cani si ottiene solo una riduzione delle crisi epilettiche e alcuni cani sono considerati non-responder. Queste compresse non devono essere divise. Le dosi per cani di taglia piu' piccola non possono essere adattate come previsto dal regime consigliato del 20%; questi animali devono quindi essere controllati con particolare attenzione. Si raccomanda cautela negli animali con disfunzione epatica e renale, ipovolemia, anemia e disfunzione cardiaca o respiratoria. Il rischio di effetti collaterali epatotossici puo' essere ridotto o ritardato utilizzando la dose efficace piu' bassa possibile. In caso di terapia prolungata si raccomanda il monitoraggio dei parametri epatici. Si raccomanda di valutare la patologia clinica 2-3 settimane dopo l'inizio del trattamento e, successivamente, ogni 4-6 mesi, ad es. tramite determinazione degli enzimi epatici e degli acidi biliari nel siero. E' importante ricordare che gli effetti dell'ipossia ecc. inducono un aumento dei livelli degli enzimi epatici dopo una crisi epilettica. Il fenobarbitale puo' aumentare l'attivita' delle fosfatasi alcaline e delle transaminasi nel siero. Puo' trattarsi di alterazioni non patologiche, ma anche di segni di tossicita' epatica. Pertanto, in caso di sospetta tossicita' epatica, si raccomanda di effettuare i test di funzionalita' epatica. L'aumento degli enzimi epatici non rende necessaria una riduzione della dose di fenobarbital se gli acidi biliari nel siero restano nei limiti normali. Nei cani epilettici stabilizzati si sconsiglia il passaggio da altre formulazioni di fenobarbital a Phenoleptil compresse. Tuttavia, se cio' non puo' essere evitato, occorre procedere con ulteriore cautela e adottare misure quali determinazioni piu' frequenti delle concentrazioni plasmatiche, per verificare che i livelli terapeutici vengano mantenuti. Fino alla conferma della stabilizzazione devono essere effettuati controlli piu' frequenti riguardo a un eventuale aumento degli effetti indesiderati e ai segni di disfunzione epatica. L'interruzione di una terapia con fenobarbital deve avvenire gradualmente, per evitare un aumento della frequenza di crisi epilettiche. Precauzioni speciali per chi somministra il prodotto agli animali: persone con nota ipersensibilita' ai barbiturici devono evitare contatti con il medicinale veterinario. Lavarsi le mani dopo l'uso. I bambini sono particolarmente a rischio di intossicazione, che puo' rivelarsi fatale. Evitare accuratamente il contatto dei bambini con il prodotto. In caso di ingestione accidentale, rivolgersi immediatamente ad un medico mostrandogli il foglietto illustrativo o l'etichetta. Se possibile, il medico deve essere informato circa il tempo e la quantita' di ingestione, in quanto queste informazioni possono contribuire a garantire che il trattamento opportuno. Sovradosaggio: i sintomi del sovradosaggio sono: depressione del sistema nervoso centrale, che si manifesta con segni che variano dal sonno al coma, disturbi respiratori, disturbi cardiovascolari, ipotensione e shock con conseguente insufficienza renale e decesso. In caso di sovradosaggio, rimuovere dallo stomaco il medicinale ingerito, ad esempio tramite lavaggio gastrico. Puo' essere somministrato carbone vegetale attivo. Fornire assistenza respiratoria. Non esiste un antidoto specifico, ma le sostanze che stimolano il SNC (come doxapram) possono stimolare il centro del respiro. Somministrare ossigeno.

Come conservare Phenoleptil 100 compresse 25 mg.

Non conservare a temperatura superiore ai +30 gradi. C Tenere il contenitore nell'imballaggio esterno per proteggerlo dalla luce. Le compresse frazionate devono essere conservate nel blister.

Gravidanza e allattamento

Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chiedere consiglio al medico prima di prendere Phenoleptil 100 compresse 25 mg.

Il fenobarbitale attraversa la barriera placentare e, ad alte dosi, non possono essere esclusi sintomi di astinenza (reversibili) nei neonati. Studi su animali di laboratorio hanno evidenziato l'esistenza di effetti sullo sviluppo prenatale, in particolare sullo sviluppo sessuale, da parte del fenobarbital. Una tendenza a emorragie neonatali e' stata associata al trattamento con fenobarbital durante la gravidanza. La somministrazione di vitamina K alla madre nei 10 giorni antecedenti il parto puo' aiutare a ridurre questi effetti sul feto. La sicurezza del medicinale veterinario non e' stata determinata durante la gravidanza nel cane. I benefici del trattamento possono essere maggiori dei potenziali rischi associati alle crisi epilettiche ai quali e' esposto il feto (ipossia e acidosi). Per questo, in caso di gravidanza, si sconsiglia l'interruzione di un trattamento antiepilettico in corso; tuttavia, la dose deve essere la piu' bassa possibile. Il fenobarbitale viene escreto in piccole quantita' nel latte materno; i cuccioli allattati devono essere controllati con attenzione riguardo agli effetti sedativi indesiderati. Uno svezzamento precoce puo' essere un'opzione. Se nei neonati allattati si manifestano sonnolenza o sedazione (che possono interferire con l'allattamento), deve essere adottato un metodo di alimentazione artificiale. Usare durante la gravidanza e l'allattamento solo conformemente alla valutazione del rapporto rischio/beneficio.

Interazioni

Quali medicinali o alimenti possono modificare l'effetto di Phenoleptil 100 compresse 25 mg.

Le dosi terapeutiche di fenobarbitale nella terapia antiepilettica possono predisporre in misura significativa le proteine plasmatiche (come l'α1-glicoproteina acida, AGP) che legano i farmaci. Pertanto, occorre prestare particolare attenzione alla farmacocinetica e alla dose dei farmaci somministrati contemporaneamente. Le concentrazioni plasmatiche di ciclosporina, ormoni tiroidei e teofillina sono ridotte in caso di somministrazione concomitante di fenobarbital. Anche l'efficacia di tali sostanze risulta ridotta. Cimetidina e ketoconazolo sono inibitori degli enzimi epatici: l'uso concomitante con fenobarbitale puo' indurre un aumento delle concentrazioni sieriche di fenobarbital. L'uso concomitante di potassio bromuro aumenta il rischio di pancreatite. L'uso concomitante di altri farmaci ad azione depressiva centrale come analgesici narcotici, derivati della morfina, fenotiazine, antistaminici, clomipramina e cloramfenicolo possono ridurre l'effetto del fenobarbital. Il fenobarbitale puo' potenziare il metabolismo di antiepilettici, cloramfenicolo, corticosteroidi, doxiciclina, beta bloccanti e metronidazolo, e quindi ridurne l'effetto. L'affidabilita' dei contraccettivi orali e' ridotta. Il fenobarbitale puo' ridurre l'assorbimento della griseofulvina. I seguenti farmaci possono ridurre la soglia convulsiva: chinoloni, antibiotici beta-lattamici ad alte dosi, teofillina, aminofillina, ciclosporina e propofol, ad esempio. I medicinali che possono modificare la soglia convulsiva devono essere utilizzati solo in caso di reale necessita' e in assenza di alternative piu' sicure.

Controindicazioni

Quando non va somministrato Phenoleptil 100 compresse 25 mg.

Non usare in caso di ipersensibilita' al principio attivo. Non usare in animali con grave disfunzione epatica. Non usare in animali con gravi disturbi renali o cardiovascolari. Non usare in cani con peso corporeo inferiore a 2,5 kg.

Fonte Foglietto Illustrativo: Banca Dati Farmadati Italia. AIFA(Agenzia Italiana del Farmaco).

Perché scegliere Pharmercure, la tua farmacia a domicilio

Con Pharmercure puoi ordinare online tutti i farmaci, anche con ricetta, e parafarmaci dalle nostre di 16 città italiane. I nostri corrieri consegneranno i prodotti ordinati all'indirizzo e orario da te forniti e potrai effettuare il pagamento alla consegna oppure online tramite ClicPay!

Scopri se il tuo indirizzo beneficia della consegna a domicilio Pharmercure

Consegna e costi

Standard €2.49

Consegna in fascia oraria. Mattutina tra le 11:00 a le 13:00. Pomeridiana tra le 17.30 e le 19.30.

Ritiro ricetta €4.99

Ritiro della ricetta a domicilio e successiva consegna standard in fascia oraria.

Pagamento

Il pagamento viene effettuato alla consegna, direttamente al fattorino, oppure online dopo la conferma dell'ordine da parte della farmacia. I nostri metodi di pagamento:

  • ClicPay
  • Contanti
  • Satispay (Pharmercure)
  • Carta di credito, di debito e prepagate
Phenoleptil 100 compresse 25 mg
Phenoleptil 100cpr 25mg
torna su
€9.35