0
Buprenodale iniet fl0 10 ml 3 mg

Buprenodale iniet fl0

10 ml 3 mg

DECHRA REGULATORY BV

Prezzo stimato*

€25.00

1

*A seguito dell’ordine, la farmacia confermerà la disponibilità del prodotto e il suo prezzo reale.

Con Pharmercure puoi ordinare dalla tua farmacia di zona e ricevere i prodotti in giornata!

Consegna in fascia oraria   €2.49, con ritiro ricetta   €4.99

caratteristiche di Buprenodale iniet fl0 10 ml 3 mg

Indicazioni terapeutiche

A cosa serve Buprenodale iniet fl0 10 ml 3 mg

Analgesia post-operatoria del cane e del gatto. Analgesia post-operatoria del cavallo, in combinazione con sedazione. Potenziamento dell'effetto sedativo dei farmaci a meccanismo d'azione centrale nel cane e nel cavallo.

Hai dubbi sull'utilizzo?

CONTATTA IL FARMACISTA

Composizione di Buprenodale iniet fl0 10 ml 3 mg

Se sei allergico o intollerante ad alcuni dei principi attivi e/o eccipienti, contatta il tuo medico prima di procedere con l'ordine.

activeSubstances

Principi attivi

Buprenorfina 0,3 mg/ml (come buprenorfina cloridato 0,324 mg/ml).

excipients

Eccipienti

Clorocresolo, Glucosio monoidrato, Sodio idrossido (regolazione del pH), Acido cloridrico concentrato (regolazione del pH), Acqua per preparazioni iniettabili.

Foglietto illustrativo

Effetti indesiderati

Come tutti i medicinali, Buprenodale iniet fl0 10 ml 3 mg può causare effetti collaterali, sebbene non tutte le persone li manifestino.

Nel cane possono manifestarsi salivazione, bradicardia, ipotermia, agitazione, disidratazione e miosi, e raramente ipertensione e tachicardia. Nel gatto possono frequentemente manifestarsi midriasi e forme di euforia (fusa, irrequietezza, sfregature eccessive), ma normalmente scompaiono entro 24 ore. La buprenorfina puo' talvolta causare depressione respiratoria. Nei cavalli, quando il farmaco e' usato in combinazione con sedativi o tranquillanti, l'eccitazione e' minima ma l'atassia puo' occasionalmente manifestarsi in forma marcata. Raramente sono stati segnalati casi di coliche.

Posologia

Quantità e modalità di assunzione di Buprenodale iniet fl0 10 ml 3 mg.

CANI: iniezione per via intramuscolare o endovenosa. Analgesia post-operatoria: 10-20 mcg/kg (0,3-0,6 ml per 10 kg) ripetere se necessario dopo 3-4 ore con dosi da 10 mcg/kg o dopo 5-6 ore con dosi da 20 mcg/kg. Potenziamento degli effetti sedativi: 10-20 mcg/kg (0,3-0,6 ml per 10 kg). GATTI: iniezione per via intramuscolare o endovenosa. Analgesia post-operatoria: 10-20 mcg/kg (0,3-0,6 ml per 10 kg) da ripetere una volta se necessario, dopo 1-2 ore. Equini nonDPA: iniezione endovenosa. Analgesia post-operatoria: 10 mcg/kg (3,3 ml per 100 kg) 5 minuti dopo la somministrazione di un sedativo EV. Se necessario, la somministrazione della dose puo' essere ripetuta una volta, non prima di 1-2 ore, in combinazione con sedazione endovenosa. Potenziamento degli effetti sedativi: 5 mcg/kg (1,7 ml per 100 kg) 5 minuti dopo la somministrazione di un sedativo EV, se necessario ripetuta dopo 10 minuti. Nei cavalli, deve essere somministrato un sedativo per via endovenosa nei cinque minuti precedenti all'iniezione di buprenorfina. Nei cani, gli effetti sedativi appaiono entro 15 minuti dalla somministrazione. L'effetto analgesico potrebbe non svilupparsi completamente prima di 30 minuti. Per garantire l'analgesia durante l'intervento chirurgico e nell'immediata fase post-operatoria, il prodotto dovrebbe essere somministrato prima dell'intervento, in fase di premedicazione. Quando il farmaco viene somministrato per potenziare la sedazione o in premedicazione, occorre ridurre la dose di altri farmaci che agiscono a livello centrale come l'acepromazina o la medetomidina. Tale riduzione dipendera' dal tipo di sedazione richiesta, dal singolo animale, dalla tipologia degli altri farmaci utilizzati nella premedicazione, e da come l'anestesia viene indotta e mantenuta. Potrebbe rivelarsi possibile ridurre anche la quantita' di anestetico inalatorio da utilizzare. Gli animali a cui vengono somministrati oppioidi con proprieta' sedative e analgesiche possono avere risposte variabili. Percio', occorre monitorare la risposta individuale degli animali, e regolare di conseguenza le dosi successive di farmaco. In alcuni casi, la somministrazione ripetuta di dosi potrebbe non aumentare gli effetti analgesici. In tali casi, si dovrebbe prendere in considerazione l'uso di un FAN iniettabile appropriato. Per garantire il corretto dosaggio, e' necessario usare una siringa graduata.

Avvertenze e precauzioni nell'utilizzo di Buprenodale iniet fl0 10 ml 3 mg

La buprenorfina puo' occasionalmente causare depressione respiratoria e, come con altri oppioidi, occorre prestare particolare attenzione nel trattamento di animali con funzione respiratoria compromessa o di animali in cura con farmaci che possono causare depressione respiratoria. In caso di disfunzione renale, cardiaca o epatica o di shock, l'uso di questo prodotto puo' aumentare il rischio. Il rapporto rischio/ beneficio associato all'uso del prodotto dovrebbe essere valutato. La sicurezza non e' stata pienamente valutata nei gatti clinicamente compromessi. Poiche' la buprenorfina viene metabolizzata dal fegato, l'intensita' e durata della sua azione puo' risultare alterata negli animali con funzione epatica compromessa. La sicurezza della buprenorfina non e' stata dimostrata nei cuccioli di cane e di gatto di eta' inferiore alle sette settimane, percio' l'impiego del farmaco in tali animali deve basarsi sulla valutazione del rapporto rischio/beneficio. Non sono raccomandate somministrazioni ripetute ad intervalli piu' brevi rispetto a quelli previsti. La sicurezza a lungo termine della buprenorfina non e' stata valutata per un periodo superiore a 5 giorni consecutivi di somministrazione nei gatti, o 4 somministrazioni separate per tre giorni consecutivi nei cavalli. L'effetto di un oppioide in caso di ferita alla testa dipende dal tipo e gravita' della ferita e del supporto respiratorio fornito. Il prodotto deve essere usato in base alla valutazione del rapporto rischio/beneficio. La sicurezza non e' stata valutata nei cavalli compromessi clinicamente. Nei cavalli, l'uso degli oppioidi e' stato associato ad eccitazioni, ma gli effetti dovuti alla burenofina sono minimi se il farmaco e' somministrato insieme a sedativi e tranquillanti come la xilazina e l'acepromazina. Nei cavalli, l'impiego della buprenorfina senza aver somministrato preventivamente un sedativo puo' causare eccitazione e attivita' locomotoria spontanea. L'atassia e' un effetto noto della detomidina e di agenti simili; percio', puo' comparire in seguito alla somministrazione di buprenorfina in combinazione con tali sostanze. Occasionalmente, si puo' avere una marcata atassia. Perche' i cavalli atassici sedati con detomidina/buprenorfina non perdano l'equilibrio, non bisogna muoverli o maneggiarli in modo da comprometterne la stabilita'. Nei cavalli, la buprenorfina puo' ridurre la motilita' gastrointestinale. La sicurezza della buprenorfina non e' stata dimostrata in cavalli di eta' inferiore ai 10 mesi di eta' e di peso inferiore ai 150 kg; percio', in questi casi l'impiego del farmaco deve basarsi sulla valutazione rischio/beneficio. Precauzioni speciali per chi somministra il prodotto agli animali: poiche' la buprenorfina ha un'attivita' di tipo oppioide, occorre evitare l'auto-iniezione accidentale. In caso di auto-iniezione o ingestione, rivolgersi immediatamente ad un medico. In caso di contatto con gli occhi o con la pelle, lavare accuratamente con acqua fredda corrente. Se l'irritazione continua, rivolgersi al medico. Sovradosaggio: in caso di sovradosaggio, occorre adottare misure di supporto e, se opportuno, somministrare naloxone o a stimolanti respiratori. In caso di sovradosaggio, nei cani la buprenorfina puo' causare letargia. A dosi molto elevate, possono verificarsi bradicardia e miosi. Studi effettuati su cavalli ai quali era stata somministrata buprenorfina in combinazione con sedativi, hanno dimostrato che, nel caso di una dose superiore fino a cinque volte il dosaggio consigliato, si manifestano scarsi effetti, ma se il farmaco e' somministrato da solo puo' causare eccitazione. Se utilizzata nei cavalli come trattamento analgesico, raramente provoca sedazione, che puo' tuttavia verificarsi a dosaggi piu' elevati di quelli consigliati. Il naloxone puo' essere utile in caso di frequenza respiratoria ridotta-stimolanti respiratori come il Doxapram sono efficaci nell'uomo. A causa dell'effetto prolungato della buprenorfina rispetto a tali farmaci, potrebbe essere necessario somministrare questi ultimi ripetutamente, o tramite infusione continua. Studi effettuati su volontari hanno dimostrato che gli antagonisti degli oppiacei possono non annullare completamente gli effetti della buprenorfina. In studi tossicologici effettuati sui cani, si e' osservata la comparsa di iperplasia biliare in seguito a somministrazione di buprenorfina cloridato per un anno a dosi di 3,5 mg/kg/al giorno o superiori. Non si e' osservata la comparsa di iperplasia biliare in seguito a iniezioni intramuscolari giornaliere di dosi di farmaco fino a 2,5 mg/kg/giorno per 3 mesi. Queste quantita' sono superiori a qualsiasi regime di dosaggio nei cani. Incompatibilita': non miscelare con altri medicinali veterinari.

Come conservare Buprenodale iniet fl0 10 ml 3 mg.

Questo medicinale veterinario non richiede alcuna condizione particolare di conservazione. Periodo di validita' dopo prima apertura del confezionamento primario: 28 giorni.

Gravidanza e allattamento

Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chiedere consiglio al medico prima di prendere Buprenodale iniet fl0 10 ml 3 mg.

Gravidanza: Studi di laboratorio effettuati su ratti non hanno evidenziato l'esistenza di effetti teratogeni. Tuttavia, in questi studi sono state osservate perdite post-impianto e morti fetali precoci. Queste potrebbero essere state causate da un indebolimento delle condizioni di salute dell'organismo materno durante la gestazione e le cure post-parto a causa della sedazione delle madri. Poiche' non sono stati svolti studi riproduttivi sulle specie di destinazione, usare il farmaco solo conformemente alla valutazione del rapporto rischio/beneficio. Il prodotto non dovrebbe essere impiegato nella fase pre-operatoria del parto cesareo, a causa del rischio di depressione respiratoria nella prole nel periodo del periparto, e dovrebbe essere usato solo in fase postoperatoria, adottando particolare cura (vedere di seguito). Allattamento: Studi effettuati nei ratti in allattamento hanno mostrato che, in seguito alla somministrazione della buprenorfina per via intramuscolare, le concentrazioni di buprenorfina immodificata nel latte erano pari o superiori a quelle presenti nel plasma. Poiche' verosimilmente in altre specie la buprenorfina viene escreta nel latte materno, si sconsiglia l'uso del farmaco durante la lattazione. Usare solo in base alla valutazione rischio/beneficio.

Interazioni

Quali medicinali o alimenti possono modificare l'effetto di Buprenodale iniet fl0 10 ml 3 mg.

La buprenorfina puo' causare sonnolenza, che puo' essere potenziata da altre sostanze che agiscono a livello centrale, inclusi tranquillanti, sedativi e ipnotici. Nell'uomo, e' stato osservato che dosi terapeutiche di buprenorfina non riducono l'efficacia analgesica di un agonista oppioide somministrato in dosi standard, e che quando la buprenorfina e' impiegata entro il normale intervallo terapeutico, e' possibile somministrare dosi standard di un agonista oppioide prima che siano terminati gli effetti della buprenorfina, senza compromettere l'analgesia. Tuttavia, si consiglia di non usare la buprenorfina in combinazione con la morfina o con altri analgesici oppioidi, come ad esempio l'etorfina, il fentanil, la petidina, il metadone, il papaveretum o il butorfanolo. La buprenorfina e' stata utilizzata con l'acepromazina, l'alphaxalone/alfadalone, l'atropina, la detomidina, la dexmedetomidina, l'alotano, l'isoflurano, la ketamina, la medetomidina, il propofol, la romifidina, il sevoflurano, il tiopentone e la xilazina. Se usato in combinazione con sedativi, il farmaco puo' causare un aumento degli effetti depressivi sulla frequenza cardiaca e sulla respirazione.

Controindicazioni

Quando non va somministrato Buprenodale iniet fl0 10 ml 3 mg.

Non somministrare per via intratecale o peridurale. Non usare nella fase pre-operatoria del parto cesareo. Non usare in casi noti di ipersensibilita' alla sostanza attiva o a uno qualsiasi degli eccipienti.

Fonte Foglietto Illustrativo: Banca Dati Farmadati Italia. AIFA(Agenzia Italiana del Farmaco).

Perché scegliere Pharmercure, la tua farmacia a domicilio

Con Pharmercure puoi ordinare online tutti i farmaci, anche con ricetta, e parafarmaci dalle nostre di 16 città italiane. I nostri corrieri consegneranno i prodotti ordinati all'indirizzo e orario da te forniti e potrai effettuare il pagamento alla consegna oppure online tramite ClicPay!

Scopri se il tuo indirizzo beneficia della consegna a domicilio Pharmercure

Consegna e costi

Standard €2.49

Consegna in fascia oraria. Mattutina tra le 11:00 a le 13:00. Pomeridiana tra le 17.30 e le 19.30.

Ritiro ricetta €4.99

Ritiro della ricetta a domicilio e successiva consegna standard in fascia oraria.

Pagamento

Il pagamento viene effettuato alla consegna, direttamente al fattorino, oppure online dopo la conferma dell'ordine da parte della farmacia. I nostri metodi di pagamento:

  • ClicPay
  • Contanti
  • Satispay (Pharmercure)
  • Carta di credito, di debito e prepagate
Buprenodale iniet fl0 10 ml 3 mg
Buprenodale iniet fl10ml0 3mg
torna su
€25.00