Pharmercure logo
Donna medico e paziente

Salute

La salute è quanto di più prezioso possiedi. In questa sezione vogliamo offrirti informazioni di natura medico/farmaceutica, con la massima cura delle fonti e un linguaggio semplice.

Nicetile ®: che cos'è e perchè è così ricercato?

nicetile erezione disfunzione

Il principio attivo di un farmaco è capace di interagire con il nostro organismo attraverso un preciso meccanismo d’azione. L’effetto terapeutico che ne consegue è l’effetto principale di tale farmaco, a cui possono aggiungersi effetti secondari non necessariamente negativi. Infatti si può ricorrere alla somministrazione di un farmaco per sfruttarne gli effetti secondari come accade con l’L-acetilcarnitina, principio attivo del Nicetile ®.  

Nicetile

Il Nicetile ® è un farmaco indicato per il trattamento delle lesioni dei nervi periferici (lesioni tronculari e radicolari) dovute a cause meccaniche o a processi infiammatori.
Tale farmaco è dispensato in diverse forme farmaceutiche: 

  • compresse gastroresistenti
  • polvere per soluzione orale in flacone 
  • polvere per soluzione orale in bustine

Il principio attivo del Nicetile® è la L-acetilcarnitina acetil-L-carnitina, derivante dalla carnitina, naturalmente presente nel nostro organismo. Infatti la carnitina viene sintetizzata nei tessuti animali a partire da due aminoacidi, (metionina e lisina, in presenza di niacina, vitamina B6, vitamina C e ferro. Oltre ad essere prodotta a livello endogeno dal nostro organismo, la carnitina viene anche assunta attraverso la dieta.

La L-acetilcarnitina è la forma acetilata della L-carnitina, in cui l’aggiunta del gruppo acetilico ne aumenta la solubilità in acqua. Di conseguenza ne aumenta la sua biodisponibilità, permettendo alla molecola di passare più facilmente nei mitocondri e attraverso la barriera emato-encefalica. Infatti in campo farmaceutico la L-acetilcarnitina svolge un’azione protettiva, nutritiva e antiossidante nei confronti delle cellule del cervello, del midollo spinale e dei nervi periferici. 

nicetile shuttle della carnitina
Lo shuttle della carnitina

Ruolo dell’L-acetilcarnitina a livello metabolico

La L-acetilcarnitin - come la carnitina ma in modo più efficace - aiuta a trasportare gli acidi grassi all’interno dei mitocondri, contribuendo così alla beta-ossidazione, ossia al processo attraverso il quale vengono demoliti gli acidi grassi depositati nel tessuto adiposo per produrre energia. I mitocondri sono organelli cellulari paragonabili alle centrali energetiche delle cellule, in cui si ha l’ingresso di combustibile (acidi grassi) per produrre energia (ATP). 

Quindi l’assunzione di L-acetilcarnitina favorisce un maggiore utilizzo di lipidi rispetto a carboidrati e proteine per produrre energia. 

Uso come integratore alimentare 

La L-acetilcarnitina è presente, oltre che in forme farmaceutiche dispensabili solo dietro ricetta medica, anche sottoforma di integratori alimentari; infatti la carnitina è contenuta all’interno di diversi integratori con lo scopo di orientare il nostro organismo verso il consumo lipidico al fine di produrre energia. Da questo deriva il grande interesse verso questa molecola, utilizzata come integratore per favorire le prestazioni sportive e la riduzione del peso

In ambito sportivo è più vantaggioso utilizzare i grassi per produrre energia e non i carboidrati attraverso il processo glicolitico. Si evita così la produzione di acido lattico, riducendo l’affaticamento muscolare. La capacità della L-acetilcarnitina di favorire la demolizione dei grassi depositati nel tessuto adiposo, ne favorisce l’impiego come integratore coadiuvante del dimagrimento. Questo però non la rende una “molecola miracolosa”.

Studi scientifici evidenziano come introducendo una quantità superiore a 2g di carnitina per volta, non si tragga alcun reale vantaggio in termini metabolici, in quanto l'assorbimento raggiunge il livello di saturazione con questa dose. Pertanto con una buona alimentazione e in condizioni ottimali di salute, il nostro corpo è già perfettamente in grado di autoprodurre carnitina; una maggiore assunzione esogena di L-acetilcarnitina non contribuisce ad una maggiore funzione dimagrante. Inoltre l’assunzione continuativa di integratori di L-carnitina sembra causare un innalzamento dei livelli ematici di trimetilamina-N-ossido, molecola responsabile dell’aumento del rischio aterosclerotico.

L-acetilcarnitina e disfunzione erettile 

Diverse ricerche hanno messo in luce come le carnitine, nome generico per indicare la L-carnitina, L-acetilcarnitina e la L-propionilcarnitina, siano utili nel trattamento della disfunzione erettile. In uno studio condotto su 120 pazienti, suddivisi in 3 gruppi, la somministrazione di carnitine è stata confrontata con la somministrazione del testosterone, i cui bassi livelli sono associati alla riduzione dell’attività erettile. 

Le somministrazioni sono avvenute nel seguente modo:

  • 1° GRUPPO: testosterone 
  • 2° GRUPPO: propionil-L-carnitina + acetil-L-carnitina 
  • 3° GRUPPO: placebo (nessun principio attivo)

Per valutar gli effetti del testosterone e delle carnitine sul miglioramento della vita sessuale in pazienti maschi con età media di 66 anni, sono stati analizzate diverse variabili come “l'antigene prostatico specifico totale, il volume prostatico, la velocità sistolica di picco, la velocità telediastolica, l'indice resistivo delle arterie del pene cavernoso, la tumescenza del pene notturna, il testosterone totale e libero, la prolattina, l'ormone luteinizzante, il punteggio dell'indice internazionale di funzione erettile, punteggio della scala della melanconia della depressione, punteggio della scala della fatica e incidenza degli effetti collaterali."

Dallo studio è emerso per i primi due gruppi, a cui erano stati somministrati rispettivamente testosterone e carnitine, un miglioramento generale di questi parametri. Nello specifico le carnitine si sono dimostrate significativamente più attive del testosterone nel migliorare la tumescenza del pene notturna, detta anche erezione mattutina. L’efficacia delle carnitine nel trattamento della disfunzione erettile è legata alla loro funzione vaso- e neuro-protettiva

In seguito alla sospensione della terapia i primi due gruppi hanno fatto registrare un ritorno ai valori basali, mentre la somministrazione del placebo non ha mostrato effetti rilevanti. Tuttavia, l’uso di carnitine può in alcuni casi favorire la stessa disfunzione erettile; solo uno specialista è in grado di individuare i possibili condizioni in cui ricorrere all’uso di carnitine. 

Conclusioni 

Gli studi scientifici mostrano come la somministrazione di carnitine determini diversi effetti nel nostro organismo; il trattamento delle lesioni nervose, il maggiore consumo di riserve lipidiche, il miglioramento delle prestazioni sportive e il trattamento della disfunzione erettile possono  spingere in alcuni casi all’automedicazione e al consumo eccessivo di integratori.  È sempre buona pratica affidarsi al proprio medico di fiducia o a uno specialista per valutare i quadri clinici in cui l’assunzione di questi principi attivi possa apportare un reale beneficio

Glossario

Antigene prostatico specifico totale (PSA): glicoproteina prodotta esclusivamente a livello prostatico, la cui funzione è quella di mantenere solubile il liquido seminale.

Indice resistivo delle arterie del pene cavernoso: valore proporzionale alla velocità del flusso di sangue che raggiunge i corpi cavernosi e al raggio della sezione delle arterie. 

Tumescenza del pene notturna: detta anche erezione mattutina, è la spontanea erezione del pene durante il sonno o al momento del risveglio da esso. 

Testosterone totale e libero: rispettivamente concentrazione plasmatica totale (legata e non) e concentrazione del testosterone non legato alle proteine leganti gli ormoni sessuali (sex hormone binding globuline, SHBG). Si tratta di un ormone steroideo sessuale prodotto nei testicoli. 

Prolattina: ormone prodotto dalle cellule lattotrope dell'ipofisi anteriore che, tra le altre funzioni, causa un calo della libido. 

Ormone luteinizzante (LH): ormone secreto dalle cellule gonadotrope dell'ipofisi anteriore, che determina la produzione di testosterone da parte delle cellule testicolari.  

Bibliografia:

48 risposte a “Nicetile ®: che cos’è e perchè è così ricercato?”

  1. Salve, soffro di un infiammazione del nervo pudendo, non si sa se per intrappolamento causa Cisti di Tarlov nella all interno del canale spinale ( s2,S3), o per altri motivi. Per ora sto assumendo una cura antalgica, che però mi da molti effetti collaterali. Ora sto anche prendendo la seconda scatola di Nicetilene. Dopo quanto tempo fa effetto e per quanto tempo potrei assumerlo? Grazie

    • Buongiorno Magdalena, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.
      Per tutte le indicazioni terapeutiche le consigliamo di rivolgersi al suo medico curante, che sicuramente potrà darle una risposta indicata alla sua particolare situazione.

      In alternativa, se la sua zona è coperta dal nostro servizio, può ordinare il farmaco in questione attraverso la nostra piattaforma (lo trova a questo link) e la nostra farmacia partner da Lei selezionata, La contatterà per capire meglio, insieme a Lei, le Sue esigenze.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

    • Buongiorno Valter, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.
      Può approfondire il risultato degli studi utilizzando i link riportati nell’articolo o rivolgendosi al suo medico curante.
      Alternativamente può rivolgersi ad uno dei nostri farmacisti partner, a questo link può trovare il più vicino a Lei.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

    • Buongiorno Mario, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.
      Può approfondire il risultato degli studi utilizzando i link riportati nell’articolo o rivolgendosi al suo medico curante.
      Alternativamente può rivolgersi ad uno dei nostri farmacisti partner, a questo link può trovare il più vicino a Lei.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

  2. Salve. Ho assunto questo farmaco tre mesi addietro per il trattamento di un ernia su l5 s1. Posso ripetere la terapia (due bustine al giorno x60gg) adesso che accuso nuovamente il fastidio ?

    • Buongiorno Giuseppe, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.
      Per tutte le indicazioni terapeutiche le consigliamo di rivolgersi al suo medico curante, che sicuramente potrà darle una risposta indicata alla sua particolare situazione.

      In alternativa, se la sua zona è coperta dal nostro servizio, può ordinare il farmaco in questione attraverso la nostra piattaforma (lo trova a questo link) e la nostra farmacia partner da Lei selezionata, La contatterà per capire meglio, insieme a Lei, le Sue esigenze.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

  3. Buongiorno.sto assumendo nicetile da 500 in polvere.e essendo diabetico o sempre la glicemia 250.facendo anche 10 x tre volte insulina.cosa mi consiglia grazie

    • Buongiorno Marco, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.
      Per tutte le indicazioni terapeutiche le consigliamo di rivolgersi al suo medico curante, che sicuramente potrà darle una risposta indicata alla sua particolare situazione.

      In alternativa, se la sua zona è coperta dal nostro servizio, può ordinare il farmaco in questione attraverso la nostra piattaforma (lo trova a questo link) e la nostra farmacia partner da Lei selezionata, La contatterà per capire meglio, insieme a Lei, le Sue esigenze.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

  4. Buongiorno,anni fa ho usato Nicetile 500 per la cura di una lombosciatalgia acuta con risultati ottimali. Attualmente soffro di cervicalgia cronica da ernie discali, mi chiedo se questo farmaco può aiutarmi a lenire il dolore, grazie.

    • Buongiorno Daniela, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.
      Per tutte le indicazioni terapeutiche le consigliamo di rivolgersi al suo medico curante, che sicuramente potrà darle una risposta indicata alla sua particolare situazione.

      In alternativa, se la sua zona è coperta dal nostro servizio, può ordinare il farmaco in questione attraverso la nostra piattaforma (lo trova a questo link) e la nostra farmacia partner da Lei selezionata, La contatterà per capire meglio, insieme a Lei, le Sue esigenze.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

  5. Bgiorno mi è stata diagnosticata una ernia fiscale L5 S1 molti anni fa ho subito intervento chirurgico sempre per ernia è mi hanno applicato un dispositivo Xstop dal lato opposto adesso per questa ernia che mi causa molto dolore posso assumere Nicetile? E per quanto tempo? Grazie.

    • Buongiorno Anna, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.
      Per tutte le indicazioni terapeutiche le consigliamo di rivolgersi al suo medico curante, che sicuramente potrà darle una risposta indicata alla sua particolare situazione.

      In alternativa, se la sua zona è coperta dal nostro servizio, può ordinare il farmaco in questione attraverso la nostra piattaforma (lo trova a questo link) e la nostra farmacia partner da Lei selezionata, La contatterà per capire meglio, insieme a Lei, le Sue esigenze.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

  6. Mia madre dietro prescrizione dell’ortopedico sta assumendo nicetile, ma ha interrotto l assunzione perchè sostiene le provochi sudorazione eccessiva. Quali sono gli effetti collaterali del farmaco ?
    Grazie

    • Buongiorno Francesca, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.
      Per tutte le indicazioni terapeutiche le consigliamo di rivolgersi al suo medico curante, che sicuramente potrà darle una risposta indicata alla particolare situazione di Sua madre.

      Alternativamente potete rivolgervi ad uno dei nostri farmacisti partner, a questo link può trovare il più vicino a Voi.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

    • Buonasera Luciana, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.

      Questa sezione serve ad indicare a chi ha delle domande, il miglior modo per ottenere delle risposte scientificamente corrette ed esaustive.
      Questo blog riporta degli articoli informativi, redatti da articolisti qualificati, i quali però non possono sostituirsi al parere del medico curante o del farmacista di fiducia.
      Per questo motivo, essendo che le domande vertono sempre su questioni di salute personale, le risposte sono simili e rimandano ad un parere più approfondito con uno specialista.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

    • Buongiorno Francesco, grazie per il suggerimento.

      Ad oggi, però, i contenuti di questa sezione sono esclusivamente ad uso informativo e in nessun caso hanno l’obiettivo di sostituire il parere, la diagnosi o il trattamento prescritti dal proprio medico curante. Il nostro consiglio resta quello di consultare sempre il vostro medico su qualunque informazione relativa a diagnosi e approcci terapeutici. La conoscenza completa della storia clinica del paziente è una condizione imprescindibile per un’assistenza medica efficace e sicura.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

    • Buongiorno Carlo, grazie per la sua gentile domanda.

      Come le avrà già spiegato il suo medico curante, la sindrome del tunnel carpale è una neuropatia periferica, dovuta alla compressione del nervo mediano. Si tratta di un nervo periferico, che dal plesso brachiale decorre lungo il braccio fino alle dita, passando all’interno di uno stretto canale (da cui il termine “tunnel”) a livello del polso.
      Alla luce della Sua neuropatia, le è stato prescritto il Nicetile ®, farmaco indicato per il trattamento delle lesioni dei nervi periferici dovute a cause meccaniche o a processi infiammatori. Si attenga scrupolosamente ai tempi e alle modalità di assunzione indicati dal suo medico. Una volta terminata l’assunzione del farmaco, sarà il medico curante o il medico specialista a valutare l’eventuale continuazione della terapia farmacologica o un approccio terapeutico differente.

      La sindrome del tunnel carpale può essere trattata in vari modi. In fase iniziale, oltre ad un approccio farmacologico, è possibile indossare anche un tutore per stabilizzare il polso ed evitare che il nervo subisca una pressione eccessiva. Il Suo medico saprà consigliarle la strategia terapeutica più appropriata, soprattutto se i disturbi dovessero peggiorare o persistere dopo il trattamento terapeutico.

      Raccomandiamo di non assumere autonomamente farmaci che richiedano la prescrizione medica, anche se già assunti in passato.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

  7. Lombosciatalia cronnica dal 1993,con frequenti episodi di acuzie..Sono medico,e vorrei provare con la somministrazione endovena di tre fiale da 500 in flebo fisiologica 500ml + 1 fiaa di vitamina C 1 gr.,Chiedo se posso mischiare i due farmaci succitati, e per quanto tempo è consiglabile per completare un ciclo efficiente.. Grazie!

    • Buonasera Federico, grazie per l’interesse dimostrato.

      Ricordiamo che il Nicetile® è un farmaco soggetto a prescrizione medica; la posologia e le modalità di somministrazione indicante dal medico prescrittore devono essere seguite scrupolosamente.
      Le consigliamo di rivolgersi al suo medico di fiducia per avere ulteriori chiarimenti, soprattutto alla luce della sua personale storia clinica.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

  8. sembra di assistere alla famosissima scena cinematografica di Ponzio Pilato che risponde alla plebe – che chiede la crocifissione di Cristo – lavandosi le mani

    • Buongiorno Bartolomeo, grazie per l’osservazione e per la possibilità di sottolineare le finalità di questa sezione.

      I contenuti di questo blog sono esclusivamente ad uso informativo e in nessun caso possono sostituire il parere del medico curante o del medico specialista. Conoscere la completa storia clinica del paziente, con le relative patologie concomitanti e i trattamenti farmacologici assunti, rappresenta l’unico modo per offrire un’assistenza medica efficace e sicura.
      Il nostro consiglio resta quello di consultare sempre il vostro medico su qualunque informazione relativa a diagnosi e approcci terapeutici, le cui indicazioni vanno seguite scrupolosamente.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

    • Buonasera Antonia, grazie per il suo interesse.

      Può consultare a questo link il prezzo delle diverse forme farmaceutiche di Nicetile® disponibili in commercio.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

    • Buongiorno Carlo, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.

      Quello che deduciamo dal commento è che il Suo medico curante o il medico specialista le abbia prescritto un piano terapeutico, specifico per una data patologia. Una volta terminata l’assunzione del farmaco, è opportuno valutare con il proprio medico l’eventuale continuazione della terapia farmacologica o un approccio terapeutico differente.

      Ricordiamo che il Nicetile® è un farmaco soggetto a prescrizione medica. È importante non usare autonomamente farmaci che richiedano la prescrizione del medico, anche se già assunti in passato.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

  9. Mio marito non ha più la prostata ora soffre di disfunzione erettile ma i nervi li hanno lasciati è anche diabetico può prendere il NICETILE LO POTREBBE AIUTARR?GRAZIE

    • Buongiorno Antonia, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.

      Come avrà già letto, diversi studi clinici hanno evidenziato l’utilità delle carnitine nel trattamento della disfunzione erettile, spesso associata a patologie a carico della prostata.
      Tuttavia, consigliamo a suo marito di rivolgersi al proprio medico curante oppure all’urologo che lo segue per valutare se l’assunzione di L-acetilcarinitina, principio attivo del Nicetile®, possa apportargli un reale beneficio.

      Il Nicetile® è un farmaco soggetto a prescrizione medica; conoscere la completa storia clinica del paziente, con le relative patologie concomitanti -in questo caso il diabete- e i trattamenti farmacologici assunti, rappresenta l’unico modo per offrire un’assistenza medica efficace e sicura.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

  10. Buongiorno, il medico mi ha prescritto Nicetile in bustine ma ho scoperto che esistono anche le compresse, che per me sarebbero più comode. Potrei assumere le compresse o devo attenermi alle bustine? Grazie

    • Buongiorno Roberto, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.

      Come avrà letto, il Nicetile® è un farmaco a base di L-acetilcarnitina e disponibile nelle seguenti formulazioni:

      – Nicetile® fiale 500 mg/4 ml polvere e solvente per soluzione iniettabile;
      – Nicetile® compresse gastroresistenti da 500 mg;
      – Nicetile® bustine da 500 mg;
      – Nicetile® sciroppo 308 mg/ml.

      Nel caso specifico richiesto, Nicetile® compresse e bustine sono due forme farmaceutiche solide orali ed entrambe contengono 500 mg di L-acetilcarnitina.
      La compressa contiene la polvere di principio attivo, pressata insieme agli eccipienti, e viene assunta deglutendola intera con un sorso d’acqua.
      La bustina, al contrario, va disciolta in mezzo bicchiere d’acqua prima dell’assunzione e per questo può risultare meno comoda.
      Tuttavia, le compresse vengono assimilate in tempi più lunghi rispetto ad altre formulazioni, perché si devono prima disgregare e dissolvere nel nostro organismo per essere assorbite. Le bustine, invece, hanno una formulazione che arriva già disciolta nello stomaco, garantendo così un’azione più rapida. A parità di effetto farmacologico, le due formulazioni si differenziano solo nella velocità d’azione del farmaco.

      Pertanto le consigliamo di rivolgersi al suo medico curante, che sicuramente potrà darle una risposta specifica in base alla sua particolare esigenza terapeutica.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

    • Buonasera Gianluca, grazie per l’interesse dimostrato e per la sua domanda.

      Come avrà letto, il Nicetile® è un farmaco a base di L-acetilcarnitina, disponibile nelle seguenti formulazioni:
      – Nicetile® fiale 500 mg/4 ml polvere e solvente per soluzione iniettabile;
      – Nicetile® compresse gastroresistenti da 500 mg;
      – Nicetile® bustine da 500 mg;
      – Nicetile® sciroppo 308 mg/ml.

      Tornando alla sua domanda, Nicetile® compresse e Nicetile® fiale sono due forme farmaceutiche differenti con una diversa via di somministrazione: enterale per le compresse e parenterale per le fiale.
      Ogni compressa contiene 500 mg di polvere di principio attivo -pressata insieme agli eccipienti- e va assunta per via orale, deglutendola intera con un sorso d’acqua. Quindi le compresse sono una formulazione solida gastroresistente, in cui l’assorbimento del principio attivo avviene dopo disgregazione della forma farmaceutica.
      Le fiale, invece, costituiscono la forma iniettabile e possono essere somministrate sia per via intramuscolo che endovena, garantendo una più rapida azione. Ogni flaconcino di polvere iniettabile contiene 500 mg di principio attivo e 4 ml di solvente, ossia acqua per preparazioni iniettabili.

      La somministrazione di Nicetile® per via orale non richiede speciali precauzioni d’uso, mentre la somministrazione endovenosa va effettuata lentamente. Sono possibili, in tale forma di somministrazione, arrossamenti con sensazione di calore al volto. Inoltre, tra i possibili effetti indesiderati classificati come non comuni, è segnalata la possibile comparsa di dolore nella sede di iniezione.
      Tra le precauzioni relative alla corretta conservazione dei farmaci, le ricordiamo che la polvere e il solvente per la soluzione iniettabile vanno conservate in frigorifero (2°C – 8°C); le compresse, al contrario, non vanno conservate a temperature superiori ai 25°C.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

    • Buongiorno Laura, grazie per la sua osservazione e per la possibilità di sfatare ogni dubbio.

      Ci dispiace che lei abbia avuto questa sensazione, ma le garantiamo la totale assenza di un assistente virtuale di risposta automatica. Molti utenti cercano spesso delle risposte personalizzate a problemi diagnostici e terapeutici in rete, bypassando la figura del medico curante e/o specialista. Tuttavia, il nostro consiglio resta sempre quello di consultare il vostro medico su qualunque informazione relativa a diagnosi e approcci terapeutici.

      Ad oggi, i contenuti di questa sezione sono esclusivamente ad uso informativo e in nessun caso hanno l’obiettivo di sostituire il parere, la diagnosi o i trattamenti prescritti dal proprio medico curante.
      Per quanto possa sembrare ripetitivo, è importante sottolineare che solo la conoscenza completa della storia clinica del paziente può garantire un’assistenza medica efficace e sicura.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

    • Buongiorno Giancarlo, grazie per aver condiviso il suo “cortese” punto di vista.

      Cogliamo l’occasione per sottolineare alcuni aspetti per noi importanti.
      Il blog riporta articoli informativi, redatti da articolisti qualificati attraverso il ricorso a fonti scientifiche attendibili ed autorevoli. Comprendiamo il costante bisogno di informazione dei pazienti, ma in nessun modo possiamo e vogliamo sostituire il rapporto medico-paziente. In totale trasparenza consigliamo sempre di rivolgersi al proprio medico curante o al medico specialista per avere informazioni relative a diagnosi e approcci terapeutici. La conoscenza completa della storia clinica del paziente è una condizione imprescindibile per un’assistenza medica efficace e sicura.

      Ci poniamo l’obiettivo di supportare i pazienti e gli utenti in generale con cortesia, comprensione e professionalità. Restiamo a disposizione per eventuali chiarimenti, soprattutto per chi volesse approfondire le fonti dei nostri articoli.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

  11. Buongiorno sono stato operato di Ca della prostata ma soffro di nevralgie e lomboalgia e sciatalgia frequente; pensate che la somministrazione di questi farmaci possano essere afficace per migliore la mia condizione? Grazie

    • Buongiorno Giovanni, grazie per sua domanda e per l’interesse dimostrato.

      Come avrà già letto, il Nicetile® è un farmaco indicato per il trattamento delle lesioni dei nervi periferici dovute a cause meccaniche o a processi infiammatori. Diversi studi, inoltre, hanno evidenziato l’utilità delle carnitine nel trattamento della disfunzione erettile, spesso associata a patologie a carico della prostata.
      Le consigliamo di rivolgersi al suo medico curante oppure al Suo urologo per valutare se l’assunzione di questo farmaco possa apportarle un reale beneficio, considerando la sintomatologia delle patologie concomitanti.

      Ricordiamo che il Nicetile® è un farmaco soggetto a prescrizione medica; un’attenta analisi del quadro clinico di ogni singolo paziente è indispensabile per una migliore scelta terapeutica.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

  12. 2 anni fa ho avuto l,erpes zostes in testa e sull’occhio una forma gravissima sto prendendo Lirica 150.mg ancora da 2 anni adesso il neurologo mi a dato NICITILE 500 MI SI GUARISCE UN PO IL PRURITO E IL DOLORE GRAZIE

    • Buonasera Tina, grazie per aver condiviso la sua esperienza.

      Purtroppo l’Herpes Zoster (HZ) o “Fuoco di Sant’Antonio” può provocare una nevralgia post-erpetica, che richiede una gestione particolarmente complessa del paziente. Infatti il dolore della nevralgia post-erpetica può essere particolarmente invalidante per il soggetto che ne soffre; si manifesta in modo intermittente o costante e può avere una durata variabile.

      Il Nicetile ® è un farmaco indicato per il trattamento delle lesioni dei nervi periferici (lesioni tronculari e radicolari) dovute a cause meccaniche o a processi infiammatori. Il trattamento della nevralgia post-erpetica ricorre spesso all’utilizzo di farmaci usati per il doloro neuropatico. Pertanto le consigliamo di seguire scrupolosamente le indicazioni del suo medico curante, che saprà indicarle la terapia più adatta, anche alla luce dell’intensità e della persistenze dei suoi dolori.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

    • Buonasera Immacolata, grazie per aver letto il nostro articolo e per aver condiviso la sua esperienza.

      Comprendiamo quanto possa essere difficile convivere con il dolore e ci auguriamo che lei possa -grazie al suo medico di fiducia- percorrere un iter terapeutico il più possibile risolutivo della sua sintomatologia.

      Cordiali saluti
      Lo Staff di Pharmercure

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *