pubblicità

pubblicità

Pharmercure logo
Donna medico e paziente

Salute

La salute è quanto di più prezioso possiedi. In questa sezione vogliamo offrirti informazioni di natura medico/farmaceutica, con la massima cura delle fonti e un linguaggio semplice.

Cambia la stagione, cambia anche il tuo bambino?

Mamma con bambino in braccio

pubblicità

pubblicità

Che sia l’arrivo della primavera o dell’autunno, i cambi di stagione influenzano profondamente la fisiologia del nostro organismo. I bambini, più degli adulti, affrontano con difficoltà gli stimoli collegati ai diversi fattori ambientali, evidenziando una maggiore vulnerabilità psicologica rispetto al cambio di stagione.
Con l’imminente arrivo della primavera, la dottoressa Maria Luisa Gargiulo, psicologa e psicoterapeuta infantile, ci offre il suo punto di vista professionale sulla sensibilità dei più piccoli ai cambiamenti stagionali. 

Che cos’è il disturbo affettivo stagionale (SAD)? 



I disturbi emotivi stagionali sono disagi che possono verificarsi sia negli adulti che nei bambini, derivando dall’interazione tra fattori ambientali - determinati dal cambio di stagione - modificazioni fisiologiche e tono dell’umore. L’equilibrio psicofisico è condizionato dall’ambiente esterno: per esempio, l’esposizione alla luce solare influenza la produzione di alcune sostanze come la serotonina, direttamente coinvolta nella trasmissione nervosa, e la melatonina, ormone che regola il ciclo sonno-veglia. Esistono due varianti di questo disturbo a seconda del periodo dell’anno, il Summer Blues (primaverile e estivo) e il Winter Blues (autunnale e invernale)Bambini e soggetti inclini alla depressione manifestano con maggiore intensità i disturbi emotivi stagionali. 

Quali sono le manifestazioni tipiche del “mal di primavera” nei bambini?



In primavera una maggiore esposizione alla luce solare e l’aumento delle temperature inducono alcune modificazioni ormonali e neurologiche, che si manifestano con irritabilità, stanchezza e inappetenza. I bambini, soprattutto i soggetti allergici, mostrano una minore tollerabilità rispetto ai fattori esterni, che si riflette sul tono dell’umore. 

I genitori come possono gestirne i sintomi?



I disturbi dell’umore hanno un’origine biopsicosociale, cioè derivano dell’interazione di vari fattori di tipo biologico, psicologico e sociale. Pertanto è opportuno agire contemporaneamente su questi tre fronti, promuovendo un corretto stile di vita al fine di ripristinare l’equilibrio psicofisico del bambino. Dal punto di vista biologico è importante garantire un riposo adeguato, evitando di sottoporre il bambino a attività fisiche eccessive e prediligendo quelle all’aria aperta. L’attività fisica stimola direttamente la produzione di alcune sostanze chimiche coinvolte nel tono dell’umore, oltre ad essere un importante stimolo all’interazione sociale. È fondamentale anche un’alimentazione bilanciata, ricca di nutrienti essenziali e povera di carboidrati. L’uso di integratori minerali o vitaminici può risultare utile solo dietro consulto medico, per evitare sovradosaggi arbitrari. 

È importante non tralasciare il risvolto psicologico del cambio di stagione, stabilendo un dialogo emotivo con i bambini. Nel caso in cui il bambino non esprima direttamente il proprio stato d’animo, per età o per attitudine personale, è fondamentale imparare a cogliere alcune manifestazioni indirette del suo disagio, come malesseri fisici vaghi o il distanziamento sociale. I genitori che si trovano a affrontare situazioni particolari, possono richiedere il supporto di uno specialista, che attraverso un sostegno psicologico alla genitorialità, noto come parent training, aiuta genitori e bambini a superare i momenti di difficoltà e a gestirli in futuro. 

pubblicità

pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pubblicità

pubblicità

Articoli in primo piano

L’importanza dell’uso consapevole di antibiotici

In occasione della Settimana Mondiale sull’uso consapevole degli antibiotici abbiamo intervistato la professoressa Evelina Tacconelli, coordinatrice del  gruppo di lavoro CTS AIFA-OPERA per l’ottimizzazione della prescrizione antibiotica. Fondamentale promuovere una corretta assunzione e prescrizione di questi farmaci, per contrastare lo sviluppo di ceppi resistenti.

shutterstock_1439151143
Farmaci introvabili: perché mancano alcuni prodotti?

Molteplici fattori possono influenzare la disponibilità dei farmaci a livello nazionale. Per questo l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) pubblica periodicamente un elenco aggiornato dei farmaci mancanti. Fondamentale il ruolo di medici e farmacisti per informare e orientare i pazienti verso possibili soluzioni alternative.

Corriere Pharmercure pronto per la consegna
Pharmercure e la salute a domicilio: l'approccio vincente oltre la pandemia

Una startup, Pharmercure, e il suo servizio, la consegna di farmaci a domicilio: un binomio che ha saputo sfidare Covid-19, e vincere

logo Pharmercure
Fattorino che consegna

Con Pharmercure puoi ricevere tutti i prodotti della tua farmacia, dove e quando vuoi. Clicca qui sotto e scopri di più.